Trofeo Jack Canali

Menu

News Trofeo Jack Canali

Trofeo Jack Canali

Trofeo Jack Canali

Continua la preparazione per la Monza Resegone

Corsa in montagna: Trofeo Jack Canali

Continua la preparazione per la Monza Resegone con la partecipazione il 24 maggio al 22° Trofeo Jack Canali, difendendo i colori sociali alla seconda prova del campionato regionale di società di corsa in montagna.

Dopo le piogge del giorno precedente splende un bellissimo sole senza essere troppo caldo, prima delle 8:00 sono già ad Albavilla (CO), la gara si svolge interamente in salita con un percorso di poco più di 6 chilometri che porta da piazza Roma a quota 438m. fino alla cima del Bollettone a 1320m.

Nel pre gara vedo qualche faccia già incontrata nella tappa precedente anche se la partecipazione questa volta è più elevata forse per la bella giornata, forse per il posto certamente più facilmente raggiungibile. Raccolgo qualche informazione, come al solito, sul percorso da correre e scambio qualche impressione con un gruppo di bergamaschi delle Valle Imagna.

Alle 9:00 puntuali si parte e dopo un breve tratto quasi pianeggiante si svolta sulla sinistra cominciando una ripida salita su strada già affrontata durante il riscaldamento, 300 metri con 60 metri di dislivello, 20% medio. Cerco di non strafare, ma salgo bene in questo duro tratto iniziale fino a raggiungere il bosco, con primo chilometro chiuso a quota 549. Mantengo il passo e la mia corsa mi sembra meno di retrovia rispetto alla scorsa Corsa dei briganti del 1° maggio, anche se la pendenza complessiva è significativamente più elevata, segno forse che gli allenamenti di quest’ultimo mese sono stati proficui.

Il bosco verso il Bollettone è maestoso con alberi di grosso fusto, il percorso carrozzabile segue delle pendenze più morbide girando tutt’intorno, mentre il percorso di gara è molto più diretto e rettilineo sempre in pendenza. Verso la fine del secondo chilometro la pendenza si attenua un poco ed accelero il passo, ma tra il secondo ed il terzo torniamo con pendenze medie del 20% raggiungendo quota 800 metri al chilometro 2,85.

Approfitto del tratto successivo più corribile per staccare il gruppetto che avevo appena dietro di me e comincio a vedere da lontano una ragazza che mi precede ed alla quale mi sembra di avvicinarmi, comincerà una lunga rincorsa fino alla cima. Raggiungiamo quota 940 s.l.m. al chilometro 4,5, e da qui riparte una lunga strada con fondo a tratti cementato, 300 metri per un nuovo salto di 80 metri. A tratti cammino, a tratti corro, controllo la ragazza che mi precede e mi sembra di ricominciare la corsa anticipando i suoi movimenti ed infatti mi sembra sempre più vicina.

Imbocchiamo quindi ad un bivio un vero sentiero, mente la strada carrozzabile gira più al largo, il fondo si fa più difficile ed è necessario procedere cercando sempre l’appoggio migliore, l’andatura si fa più lenta, intorno ai 10:30/km come nel tratto del terzo chilometro.

Via via gli alberi si diradano e si comincia ad intravedere più chiaramente la vetta, anche il paesaggio è bellissimo, ma cerco di non distrarmi per evitare di cadere. Verso il chilometro 5,7 raggiungiamo quota 1.200 e da li a poco siamo in campo aperto, un bel sentiero a mezza costa immerso in un prato dove cerco di correre più velocemente che posso. La difficoltà è che nel centro del sentiero il solco profondo è troppo stretto per correre con sicurezza con entrambi i piedi ed anche i bordi sono spesso troppo sottili. Ne esce quindi un incedere un po’ zizzagante dove è necessaria la massima concentrazione. Malgrado queste difficoltà raggiungo finalmente la ragazza che mi lascia strada, ma nello stesso tempo due inseguitori si fanno più vicini.

Raggiungiamo infine il tratto finale, un ripidissimo prato leggermente scalettato per “facilitare” l’appoggio, poche centinaia di metri durante i quali vengono raggiunto da un’inseguitrice, mentre stacco decisamente gli altri due. Qui non si può che camminare o meglio più che altro ci si arrampica come si può, ma ormai siamo alla croce e dopo pochi metri al traguardo. Tempo finale 59’12” e 54° posto (su 80).

Marco Mariani

Trofeo Jack Canali

A.S.D. EuroAtletica 2002
P.I: 03312590965

Via Chopin, 5 - 20037 Paderno Dugnano (MI)
info@euroatletica2002.com

Iscriviti alla newsletter

Autorizzo al trattamento dei dati Privacy

© 2019 Euroatletica 2000 | Privacy policy | designed by © Creative Studio